PRONTO SOCCORSO - 24 ore su 24
Chiama
0332 820002
Medicina Interna Veterinaria

La rabbia colpisce tutti i mammiferi

volpe
La volpe può rappresentare un potenziale serbatoio del virus della Rabbia
animali silvestri
Il contatto tra animali silvestri può permettere la diffusione della malattia anche agli ungulati
volpe rabbia
Negli anni 80 la migrazione delle volpi dalla Siberia ha portato ad una nuova diffusione della malattia
foto cane con rabbia
La Rabbia può avere tempi di incubazione relativamente lunghi: da alcuni giorni fino ad alcune settimane

Che cos’è?

La rabbia è una malattia sostenuta da un virus della famiglia Rhabdoviridae, che colpisce tutti i mammiferi, incluso l’uomo. La trasmissione avviene a seguito di un contatto con la saliva di animali infetti (quindi tramite morsi, graffi e ferite) e, dopo un variabile periodo di incubazione, si rende evidente la sintomatologia che conduce sempre a morte.

Come si manifesta?

Durante il periodo di incubazione del virus (in media 2-3 mesi), la patologia non è manifesta e l’animale colpito ospita il virus senza trasmetterlo. In questa fase, il virus replica dapprima nel tessuto muscolare per poi raggiungere il sistema nervoso centrale attraverso i nervi periferici; lì comincia a replicare diffondendo poi per via centrifuga tramite le vie nervose e completando la sua localizzazione nelle ghiandole salivari. Da questo momento la malattia diventa clinicamente manifesta e contagiosa. I sintomi clinici comprendono una prima fase eccitativa, con improvvise modificazioni del comportamento con comparsa di aggressività e di abbattimento e una seconda fase paralitica che precede la morte, il tutto della durata di 10 giorni circa.

Perchè parlare di rabbia?

Dall’ottobre del 2008 la rabbia è ricomparsa nel nord-est dell’Italia (Friuli Venezia Giulia, Veneto, con la provincia di Belluno, e le province di Trento e di Bolzano) a seguito dell’evolversi dell’epidemia che interessa le vicine nazioni dell’est (Slovenia e Croazia).
La prevalenza dei casi ha interessato animali selvatici, per lo più volpi rosse, che rappresentano il principale serbatoio della malattia e quindi la principale fonte di contagio.
E’ importante citare anche il potenziale rischio di diffusione della rabbia legato all’importazione di animali rabidi da nazioni in cui la malattia è endemica, e il ruolo dei pipistrelli come zoonosi emergente in Europa, sebbene in Italia non vi siano casi documentati di trasmissione ad animali o uomo.

Cosa si può fare?

L’azione più importante per proteggere i nostri animali dalla rabbia è la vaccinazione. L’immunizzazione di base prevede una prima vaccinazione in cuccioli e gattini che hanno superato i 3 mesi di età e un richiamo a un intervallo di tempo diverso a seconda del tipo di vaccino (generalmente 1 anno).

Cosa dice la legge:

Per viaggiare attraverso gli stati dell’Unione Europea e per recarsi nei Paesi terzi, cani, gatti e furetti devono essere in possesso del “Passaporto per animali da compagnia” (reg. CEE n. 998/2003 e decisione della Commissione Europea n. 803/2003). Ai fini del rilascio del Passaporto, gli animali devono essere identificati tramite tatuaggio perfettamente leggibile (valido fino al luglio 2012) o microchip e registrati all’anagrafe canina; il libretto sanitario deve attestare la vaccinazione antirabbica in corso di validità se eseguita anteriormente al rilascio del Passaporto. 
La vaccinazione antirabbica è considerata valida 21 giorni dopo la prima vaccinazione.
Per l’espatrio in Regno Unito, Irlanda, Malta, Svezia e Norvegia, è necessaria la titolazione degli anticorpi sierici neutralizzanti il virus eseguita su un campione di sangue prelevato all’animale. Il prelievo deve essere eseguito 30 giorni dopo la vaccinazione e almeno 6 mesi prima della movimentazione verso regno Unito, Irlanda e Malta e 120 giorni dopo la vaccinazione per l’introduzione in Svezia e in Norvegia.

Nuove leggi sono state introdotte in seguito alla ricomparsa della rabbia in Italia e in particolare, nell’Ordinanza Ministeriale del 26 novembre 2009, sono stati disposti i seguenti provvedimenti: 
- obbligo di vaccinazione antirabbica di cani, gatti e furetti al seguito di persone dirette nel territorio della regione Friuli Venezia Giulia, della provincia di Belluno o in altri territori della regione Veneto e delle province autonome di Trento e Bolzano;
- obbligo di vaccinazione dei cani di proprietà e degli animali domestici sensibili condotti al pascolo nelle zone interessate sopra citate;
- obbligo di conduzione al guinzaglio di tutti i cani;
- limitazione della circolazione dei cani ivi inclusi quelli utilizzati nella pratica venatoria;
- campagne di vaccinazione orale delle volpi, mediante vaccino addizionato a specifiche esche distribuite sul territorio interessato dalla malattia e in un’ampia zona di protezione circostante.

In Lombardia la vaccinazione contro la rabbia non è obbligatoria ma è comunque consigliata per i cani e i gatti a vita libera.

tosse nel cane

Cos'è la Tosse e come si Presenta nel Cane?

La tosse consiste nell’espulsione violenta di aria dal polmone attraverso la bocca; si instaura generalmente come meccanismo...

parto cagna

Il parto del cane: consigli pratici

La corretta gestione del parto richiede la conoscenza in primo luogo della durata della gestazione.

La

agopuntura cane

Agopuntura Veterinaria cos’è, come funziona, a cosa serve.

La Medicina Veterinaria Tradizionale Cinese (MVTC) forma un complesso sapere medico costituito al suo interno da differenti...

ORARIO VISITE:

LUNEDI / VENERDI 8:00/22:00 orario continuato - SABATO / DOMENICA 8:00/12:00

Contatti