PRONTO SOCCORSO - 24 ore su 24
Chiama
0332 820002
Medicina della Riproduzione
Home / Specialistica / Medicina della RiproduzioneRichiedi una visita

Medicina della Riproduzione dei piccoli animali

Medicina della riproduzione veterinaria
Gestazione e profilassi veterinaria

La medicina della riproduzione dei piccoli animali si concentra sugli aspetti fisiologici e patologici dell’apparato riproduttore maschile e femminile al fine di garantire la salute dei nostri pets e massime performance riproduttive.

Lo sviluppo di questo ambito della medicina veterinaria ci consente, nella femmina, di monitorare il calore al fine di pianificare l’accoppiamento. Nel caso in cui l’accoppiamento naturale sia impossibile, abbiamo a disposizione l’inseminazione artificiale, con prelievo del seme dal maschio e deposizione dello stesso in vagina (inseminazione vaginale) o in utero (inseminazione intrauterina). Riusciamo a garantire il monitoraggio della gravidanza e la corretta gestione con un’assistenza medica o, dove necessario, chirurgica del parto, associandovi la rianimazione neonatale. Attraverso il monitoraggio della gravidanza è inoltre possibile dare al proprietario indicazioni sulla data presunta del parto nel caso in cui l’accoppiamento sia avvenuto senza alcuna pianificazione.

La medicina della riproduzione trova applicazione anche nel maschio, nel quale è possibile effettuare visite specialistiche, con esame clinico ed ecografico dell’apparato riproduttore e esame del seme per valutarne la qualità a fini riproduttivi.

Negli ultimi anni ha inoltre trovato maggiore applicazione l’approccio medico alle patologie dell’apparato riproduttore maschile e femminile, quali ad esempio l’ipertrofia prostatica benigna (IPB) o l’infezione uterina (piometra), come alternativa conservativa ad un approccio chirurgico. 

 

MONITORAGGIO DI CALORE NEL CANE

Lo scopo del monitoraggio di calore è quello di riuscire ad individuare il momento dell’ovulazione e pianificare un accoppiamento o un’inseminazione artificiale. Il calore di una cagna ha una durata variabile, sia per quanto riguarda la persistenza delle perdite vulvari ematiche, sia per quanto riguarda il periodo fertile durante il quale è possibile ottenere una gravidanza.

La metodica applicata per il monitoraggio di calore consiste nell’associare la visita clinica dell’apparato riproduttore ed esami:

  • Vaginoscopia 
  • Citologia vaginale
  • Dosaggio della concentrazione sierica del progesterone

Le procedure sono poco invasive e rapide e permettono di raccogliere informazioni fondamentali per individuare in modo preciso il momento dell’ovulazione e avere maggiori possibilità di ottenere una gravidanza.

PATOLOGIE APPARATO RIPRODUTTORE

Torna all'indice

Piometra

Una delle patologie che interessano l’apparato riproduttore femminile dei nostri pets è l’infezione uterina (piometra). Questa infezione coinvolge i soggetti femminili non sterilizzati e rientra nella categoria delle emergenze mediche. È mediata dalla stimolazione da parte del progesterone, ormone prodotto a livello ovarico, tra i cui scopi è compreso quello di rendere l’utero un ambiente idoneo per l’instaurarsi di una gravidanza. Questo predispone l’utero ad essere anche un buon terreno di crescita per i batteri che daranno origine alla piometra. Solitamente questa infezione si rende evidente nel periodo successivo al calore e causa la comparsa di diversi sintomi. 

I più comuni sono: 

  • Scolo vulvare purulento (non sempre presente)
  • Distensione e dolore addominale 
  • Aumento dell’assunzione di acqua e dell’esigenza di urinare
  • Inappetenza
  • Abbattimento 

Il paziente può arrivare a sviluppare un vero e proprio stato di shock settico.
Pertanto è molto importante portare a visita la paziente se dovesse presentare questa sintomatologia, al fine di diagnosticare l’infezione uterina e stabilire il piano terapeutico più adeguato.

Ipertrofia prostatica benigna

L’ipertrofia prostatica benigna (IPB) è una patologia a carico della prostata, ghiandola maschile che secerne una componente del seme. Si sviluppa nei cani maschi non castrati, più frequentemente a partire dai 6-7 anni di età.
È una patologia che si sviluppa in seguito alle continue stimolazioni da parte del metabolita attivo del testosterone, prodotto dai testicoli.
All’aumento delle dimensioni prostatiche spesso si accompagna lo sviluppo di lacune del tessuto prostatico (cisti), che possono essere singole o multiple e raggiungere dimensioni considerevoli (> 3 cm). Queste cisti prostatiche possono andare incontro a infezione, evolvendo in veri e propri ascessi.

I sintomi più comuni sono:

  • Scolo sieroematico o ematico dal pene
  • Disturbi della minzione (stranguria, pollachiuria, ematuria, incontinenza o impossibilità ad urinare)
  • Tenesmo fecale o feci nastriformi 

Un consulto con il medico veterinario permette di effettuare una diagnosi certa e impostare la terapia adeguata per la risoluzione dell’IPB.

Monitoraggio di calore

Fin dai primi giorni, è fondamentale per pianificare l’Inseminazione o l’accoppiamento.

Infezioni

L'infezione uterina/piometra può essere gestita, quando necessario, con il trattamento medico.

Vitalità fetali

Valutare lo sviluppo e la vitalità fetali durante tutta la gravidanza, anche per la gestione del parto.

Inseminazione artificiale

Utile quando l'accoppiamento naturale non è possibile.
Richiedi una visita

La Dott.ssa Marta Cecchetto (DVM, PhD) collabora attivamente con la clinica CMV, per consulenze e appuntamenti chiamare direttamente in Clinica 0332-820002

Richiedi una visita
gravidanza gatto

La Gravidanza nel Gatto

La gatta è una specie con calori stagionali e ovulazione indotta dall’accoppiamento (una bassa...

accoppiamento cani

L' accoppiamento nel Cane

Il picco di fertilità nella specie canina viene raggiunto a circa 2 anni, influenzato anche dalla razza e...