PRONTO SOCCORSO - 24 ore su 24
Chiama
0332 820002
Cardiologia Veterinaria
Home / Specialistica / Ecocardiografia caneRichiedi una visita

Ecocardiografia Cane e Malattie Cardiache

Massimo confort garantito da comodi lettini
Esame ecocardiografico generalmente non richiede che il paziente sia sedato.
Il benessere del paziente prima di tutto!

Il mio "pet" ha un soffio

Il soffio cardiaco rappresenta l’effetto sonoro di una turbolenza che si verifica durante il ciclo cardiaco. Generalmente la presenza di un soffio viene identificata durante le normali visite di routine, come la vaccinazione.  Affinché sia possibile una corretta auscultazione cardiaca è importante che il luogo dove avvenga la visita sia silenzioso e tranquillo e che il proprietario collabori con il medico tenendo serrata la bocca del cane per impedire che la respirazione interferisca con la corretta auscultazione cardiaca. Per quanto riguarda i gatti è importante che non facciano le fusa. Per inibire questo comportamento, è sufficiente sottoporgli un batuffolo di cotone imbibito di alcool. 

Non sempre il soffio cardiaco indica la presenza di una cardiopatia. Nei cuccioli, ad esempio, è possibile identificare dei soffi definiti “innocenti” che, come dice la parola stessa, non corrispondono ad alcun quadro patologico. Questi di solito sono soffi di debole intensità che tendono a ridursi fino anche a scomparire quando la frequenza cardiaca si abbassa e vengono percepiti in un'area ben definita del torace. 

Tuttavia, proprio nei cuccioli molti soffi sono l’espressione di patologie congenite sulle quali è molto importante intervenire tempestivamente. In questo caso i soffi saranno generalmente più intensi, non varieranno al variare della frequenza cardiaca e potranno essere percepiti in punti diversi del torace (irradiazione del soffio).

I soffi che vengono percepiti per la prima volta in pazienti adulti sono quasi sempre patologici. Talvolta sono l’espressione di una patologia sistemica (ipertiroidismo nel gatto, ipertensione o anemia) altre volte invece rappresentano una patologia cardiaca primaria (endocardiosi mitralica, cardiomiopatia dilatativa).

Il medico veterinario, in relazione all'intensità del soffio, alla variazione dello stesso con la frequenza cardiaca ed al focolaio di auscultazione, emetterà un sospetto di soffio innocente o patologico e di un tipo specifico di cardiopatia; quindi suggerirà al proprietario di rivolgersi al cardiologo per eseguire un esame ecocardiografico completo attraverso il quale emettere una diagnosi di certezza.

 

Ecocardiografia: come quando e perché

Come?

L’esame ecocardiografico è un esame relativamente semplice, che generalmente non richiede la sedazione del paziente. 
Il soggetto viene posizionato in decubito laterale su un apposito tavolo morbido e provvisto di un foro attraverso il quale l'operatore apporrà la sonda ecografica a livello dell'area cardiaca del paziente, dopo averla tricotomizzata.
La tricotomia è fondamentale perchè l'interferenza legata alla presenza del pelo non consente di registrare immagini correttamente valutabili. 

La presenza del proprietario è estremamente importante per limitare lo stress indotto dal paziente dal decubito forzato. Quasi sempre sono sufficienti la sua presenza, le sue rassicurazioni e le sue carezze per permetterci di eseguire un esame ecocardiografico completo. Inoltre viene spesso richiesto un aiuto fisico nel mantenere serrata la bocca. L'artefatto indotto dal respiro a bocca aperta rappresenta un ulteriore ostacolo alla corretta registrazione delle immagini. 
La durata relativamente lunga dell'esame rappresenta l'unico inconveniente di questo esame diagnostico che però si riduce notevolmente in presenza di proprietari e pazienti collaborativi.

Quando?

Non appena viene identificato un soffio, è opportuno fissare un appuntamento con il cardiologo per eseguire l'esame ecocardigrafico.

Una volta giunti ad una diagnosi, la frequenza dei controlli verrà definita dal cardiologo secondo la gravità del quadro ed anche in relazione alla crescita del paziente. In pazienti molto giovani infatti si tenderà ad eseguire controlli più frequenti perchè, con la crescita, i quadri di cardiopatia possono variare significativamente nell'arco di pochi mesi.

Il rispetto della cadenza dei controlli ed eseguire una diagnosi non appena il soffio viene identificato possono permettere un intervento medico o chirurgico tempestivo, che può fare la differenza sia in termini di durata sia in termini di qualità di vita. 

Applicazioni dell'ecocardiografia

Torna all'indice

- Attraverso la valutazione della morfologia delle valvole, della cinetica cardiaca e dei flussi valvolari è possibile emettere una diagnosi definitiva di cardiopatie congenite o acquisite

- Attraverso esami ecocardiografici seriali è possibile valutare il momento più opportuno per impostare un trattamento medico e valutarne l'efficacia nel tempo e modulare i trattamenti secondo le variazioni riscontrate

- Screening di razza: attraverso questo esame, ripetuto con una periodicità differente in relazione alla patologia in questione, è possibile selezionare riproduttori sani e ridurre sempre più l’incidenza di numerose patologie cardiache congenite

Ogni esame ecocardiografico deve essere accompagnato da un referto che riporti le misurazioni effettuate, il sospetto diagnostico, l’eventuale trattamento e la frequenza dei controlli consigliati.

Soffio cardiaco

Percepire i soffi non è facile. Favorisci un ambiente tranquillo ed aiuta il veterinario in questa procedura.

Ecocardiografia: quando

Ogni paziente con un soffio cardiaco merita un'ecocardiografia.

Ecocardiografia: come

L'esame ecocardiografico è un esame semplice, non invasivo che si esegue con il paziente sveglio.

Screening di razza

Le razze predisposte a cardiopatie congenite devono eseguire gli screening di razza.
Richiedi una visita

Controlla l'ultimo referto ecocardiografico rilasciato al tuo "pet". Potrebbe essere già l'ora del controllo!

Richiedi una visita

Screening Cardiomiopatia dilatativa Dobermann

Vorrei dedicare questa sezione del blog alla prevenzione ed in particolare modo all’importanza dello screening di razza nei...

Ruolo proprietari pazienti endocardiosi mitralica

In qusta sezione del blog il mio intento sarà quello di sensibilizzarvi sull’importanza del ruolo dei proprietari nella...

Cardiomiopatia Dilatativa in un Gatto

Vorrei dedicare questa sezione del blog al racconto di un caso clinico che ho affrontato qualche settimana fa.

Si trattava...

ORARIO VISITE:

LUNEDI / VENERDI 8:00/22:00 orario continuato - SABATO / DOMENICA 8:00/12:00

Contatti